• di Lino Rialti

Sui migranti è scontro M5s Dem


E' ancora scontro sulla regolarizzazioni dei migranti. Vito Crimi, capo politico dei Cinquestelle, non ne vuol sentir parlare ed afferma infatti che "una sanatoria avrebbe effetti morali devastanti sul Paese". Forse Crimi sottovaluta la maturità del paese e soprattutto non prende in considerazione ne la necessità degli agricoltori di vedere i propri campi coltivati, ne la necessità dei consumatori di trovare la frutta e la verdura sui banchi dei supermercati, merce disponibile ed a prezzi accettabili. Ma soprattutto Crimi non considera altri due importanti aspetti: i lavoratori irregolari sono controllati dalle organizzazioni malavitose, che speculano sui migranti attraverso il complesso meccanismo del caporalato e l'altro aspetto è quello che i lavoratori irregolari non avendo "diritto alla salute" possono costituire, soprattutto in questo momento, un serbatoio di molte malattie, prima di tutte la Covid-19.


Infatti, alla luce di queste considerazioni, appaiono surreali le diatribe legate al distanziamento sociale, in primis in ambienti aperti come la spiaggia, dove il sole, la brezza marina, la salsedine, l'acqua salata con il suo corredo di "microbi buoni" in pratica disinfetta naturalmente l'aria, gli oggetti esposti e la sabbia ma poi non ci preoccupiamo seriamente di chi tocca la merce che poi mettiamo in bocca. Un lavorante irregolare non è sicuramente controllato e se, per sua disgrazia divenisse un portatore asintomatico, potrebbe, toccando frutta e verdura, essere un potenziale pericolo per la collettività che consuma questa merce soprattutto cruda.

Il Partito Democratico infatti bolla come una "posizione ingiustificata" quella di Crimi. Ma Di Maio tiene il punto dichiarando di non accettare "sanatorie indiscriminate. Nessuno provi a dividerci".


Al Viminale fanno sapere che "il testo concordato del provvedimento è pronto". Mentre il nostro Primo Ministro mantiene la sua posizione "regolarizzare per un periodo determinato immigrati che già lavorano sul nostro territorio significa spuntare le armi al caporalato, contrastare il lavoro nero, effettuare controlli sanitari e proteggere la loro e la nostra salute tanto più in questa fase di emergenza sanitaria".


In questo momento sarebbe importante coesione e correttezza istituzionale oltre a rettitudine morale. Bisognerebbe evitare di preoccuparsi troppo dei sondaggi e della popolarità. Il popolo capisce, metabolizza e realizza. I leoni da tastiera non votano nelle urne gli italiani assennati si, cerchiamo di ricordarlo.

#immigrati #migranti #Covid19 #coronavirus #frutta #verdura #raccolta #campi #crimi #dimaio #dem #democratici #m5s #cinquestelle

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Chi sono

Mi interesso di tutto e scrivo da sempre. Difficilmente non ho un'opinione su di un argomento. Sono iscritto da quasi trent'anni all'Ordine dei giornalisti.

  • Twitter Black Round

© 2023 la riproduzione, anche parziale, è riservata

La collaborazione a La Mollica è da intendersi gratuita e senza alcun corrispettivo salvo accordi scritti preventivamente pattuiti.