• di Lino Rialti

Clima: Italia spaccata in due. Allagamenti al nord e siccità grave nel sud


Forti temporali stanotte su gran parte del nord ovest dell'Italia. Violenti scrosci si sono abbattuti su Milano. Il fiume Seveso è esondato in diversi punti della città. Anche Lambro è a rischio esondazione.


La pioggia continua a cadere anche questa mattina ed il fiume Seveso ha raggiunto l’altezza di 1,99. Nella zona dell’esondazione si sono verificati anche alcuni blackout elettrici.


La pioggia è prevista fino al pomeriggio in quelle zone ed anche per la giornata di domani. Il maltempo dovrebbe dare una tregua domenica e lunedì.


E mentre nel nord Italia si combatte con la troppa acqua caduta nel centro-sud si inizia ad avere paura della fortissima siccità che ha colpito più di metà dello stivale.


A rischio le coltivazioni. Infatti, anche al nord secondo la periodica analisi dell’Osservatorio ANBI, l'Associazione Bonifiche e Miglioramenti Fondiari, sulla Stato delle Risorse Idriche, "L’anticipo di piogge dai caratteri primaverili, pur ristorando le campagne, non ha sostanzialmente mutato la condizione delle riserve d’acqua, preoccupante nelle zone meridionali del Paese, dove le scarse precipitazioni si accompagnano a temperature miti, favorevoli ad un anticipo dei cicli colturali".


Di questo serio problema, in questo periodo, presi come siamo dalla emergenza della Covid-19, non se ne parla molto, ma è veramente serio.


Sempre l'ANBI, fa sapere dal suo sito istituzionale che "si aggrava, in particolare, la situazione in Puglia dove, in una dozzina di giorni, il deficit è aumentato di quasi 5 milioni di metri cubi; ora le risorse disponibili ammontano a circa 141 milioni di metri cubi: meno della metà rispetto ad un anno fa. La situazione è invece leggermente migliorata in Basilicata, dove mancano all'appello, però, oltre il 30% delle disponibilità idriche di un anno fa, analogamente a quanto sta accadendo in Calabria, dove nel cosentino sono soprattutto le coltivazioni di finocchio a soffrire; si conferma, infine, a macchia di leopardo la situazione idrica in Sicilia".


Di converso alla pandemia, più grave al nord e più debole al sud, la siccità, come la si conosce storicamente, è una situazione che man mano si risale lo stivale, sicuramente migliora. Anche se da una trentina d'anni, con alcune eccezionali annate, la siccità è "risalita" interessando sempre più seriamente anche le regioni del centro.


Quest'anno comunque sono in emergenza siccità anche le regioni Abruzzo, Lazio, Marche e soprattutto l'Umbria. In Sardegna, c’è complessivamente maggiore disponibilità di acqua rispetto allo scorso anno.


Anche nella Pianura Padana, comunque, la situazione non è idilliaca. L'ANBI fa sapere che "la portata del fiume Po si conferma sotto la media storica, ma superiore ad un anno fa, mentre il livello delle acque nel fiume Adige è inferiore solo al 2014 nello scorso quinquennio. Idricamente più ricchi di un anno fa sono i fiumi piemontesi (Tanaro, Dora Baltea, Stura di Lanzo), mentre in Emilia-Romagna solo il fiume Savio appare in sofferenza e sono rassicuranti le riserve nei bacini piacentini del Molato e di Mignano. Rimane anomala la situazione dei grandi bacini del Nord con il lago Maggiore ed il lago di Garda rispettivamente al 76,5% ed al 97,1% della capacità di riempimento, mentre il lago di Como permane sotto lo zero idrometrico e quello d’Iseo, pur in rialzo, resta sotto media del periodo (rispettivamente al 20,6% ed al 24,3% della capacità di riempimento)".


Sono urgenti opere infrastrutturali per scongiurare problemi alle campagne. Il miglioramenti e la sistemazione degli invasi esistenti e la creazione di nuove riserve d'acqua dovrebbero essere portati all'attenzione dei ministeri competenti (agricoltura ed infrastrutture). Solo con lo stoccaggio di acqua dolce si può sperare di superare un futuro che non appare certo roseo.


Ovviamente un'opera lungimirante di riconversione verso un green new deal, volta a mitigare l'effetto serra, oltre a rilanciare l'economia, permetterebbe di avere prospettive migliori sul medio lungo termine.

#bombaacqua #pioggia #siccità #nord #sud #centro #milano #effettoserra

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Chi sono

Mi interesso di tutto e scrivo da sempre. Difficilmente non ho un'opinione su di un argomento. Sono iscritto da quasi trent'anni all'Ordine dei giornalisti.

IMG-9934.jpg