• di Lino Rialti

Omicidio volontario: questa ora l'accusa sul poliziotto che ha ucciso Floyd, divampano polemiche


Come ci si poteva aspettare, si stanno placando i disordini per le strade, dopo l'uccisione di George Floyd ma divampa il fuoco delle polemiche tra i membri dell'amministrazione americana.


Intanto, Joe Biden, lo sfidante democratico di Trump, ha annunciato che parteciperà ai funerali di Floyd, una ferma presa di posizione.


Keith Ellison, l'Attorney General del Minnesota ha modificato l'imputazione per l'ex agente Derek Chauvin da omicidio colposo a omicidio volontario, aggravando la sua posizione, ora rischia fino a 40 anni di carcere. Sempre Ellison ha ordinato l'arresto, con l'accusa di complicità, dei tre colleghi di Chauvin. Questo, probabilmente, avrà ristorato, almeno in parte, la famiglia di Floyd che aveva chiesto l'arresto dei quattro poliziotti dall'inizio della vicenda e soprattutto ha contribuito non poco a calmare gli animi della folla che ha messo a ferro e fuoco, per una settimana, l'America intera.


Una marea di polemiche circondano la querelle e la stessa Casa Bianca. Se da una parte, il capo del Pentagono Mark Thomas Esper, travolto dalle polemiche di politicizzare l'esercito, si è smarcato da Trump ed ha dichiarato alla stampa di non avere intenzione di utilizzare l'esercito per scopi di ordine pubblico, anche se 1600 soldato sono stati spostati appena fuori della capitale americana per venire eventualmente utilizzati in caso di necessità estrema, come vennero utilizzati nel 1992 proprio per placare una rivolta a sfondo razziale ma a Los Angeles, dall'altra divampano le polemiche per la foto di Trump con la Bibbia in mano davanti alla chiesa di St. John, di fronte alla Casa Bianca. Per andare a fare quella fotografia, Trump aveva fatto sgomberare la folla con lacrimogeni e proiettili di gomma.


Altra polemica, il fatto che Esper ha dichiarato alla stampa che lunedì sera sapeva che avrebbe accompagnato Donald trump alla chiesa di St. John ma non che ci sarebbe stata una 'photo opportunity' con tanto di uso di Bibbia a favore di telecamere e macchine fotografiche, assieme a diversi esponenti della amministrazione. Questa situazione ha infastidito non poco i vertici religiosi che hanno bollato la vicenda come "strumentalizzazione politica".


C'è poi il problema dell'uso di un elicottero da guerra, un Black Hawk, da parte della Guardia Nazionale che ha sorvolato a bassissima quota i manifestanti davanti alla casa Bianca all'evidente scopo di intimorirli e disperderli. Di questa vicenda, il capo del Pentagono ha annunciato di aver chiesto al segretario dell'esercito Ryan Mc Carthy di avviare un' indagine.


Mentre i consiglieri di Trump, con a capo Steve Bannon, sono al lavoro febbrilmente per tentare di trovare una versione accettabile su tutta questa vicenda, un'altra tegola cade in testa al nostro Donald Trump: Snapchat, dopo le censure effettuate da Twitter con l'apposizione di un avviso sulla possibile infondatezza delle affermazioni del Presidente Trump sotto i suoi post, ha annunciato che non promuoverà più sull'home page di Discover l'account di Trump, accusandolo di incitare con i suoi messaggi "la violenza razziale e l'ingiustizia".



#polemiche #DonaldTrump #JoeBiden #MarkThomaEsper #KeithEllison #Uccisione #Floyd #Bibbia

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Chi sono

Mi interesso di tutto e scrivo da sempre. Difficilmente non ho un'opinione su di un argomento. Sono iscritto da quasi trent'anni all'Ordine dei giornalisti.

IMG-9934.jpg