• di Lino Rialti

Maxi-operazione anti camorra: indagato il senatore Cesaro


Associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione elettorale, estorsione e turbativa d'asta: queste le pesantissime accuse che hanno portato i Carabinieri del Ros di Napoli ad applicare 59 misure cautelari nei confronti di altrettanti indagati, in esecuzione dei provvedimenti emessi dal Giudice delle Indagini Preliminari del tribunale di Napoli, Maria Luisa Miranda.


Sgominati i clan Puca, Verde e Ranucci che conducevano i loro affari a Sant'antimo e in vari comuni limitrofi a nord di Napoli grazie a connivenze, collaborazioni e, come gli stessi investigatori le hanno definite "cointeressenze" con il mondo imprenditoriale e politico locale e non solo.


In bilico la posizione del senatore di Forza italia, Luigi Cesaro, noto a Napoli con nomignolo di"Gigino a Purpetta". Il Gip Miranda sta valutando se richiedere l'autorizzazione all'utilizzo delle intercettazioni, ritenute rilevanti, che coinvolgerebbero il senatore forzista che risulta tra le persone indagate. Nella foto a sinistra Silvio Berlusconi, al centro Luigi Cesaro ed a sinistra Nicola Cosentino.


L'operazione, come detto ha visto 59 notifiche di misure cautelari di cui 38 in carcere, 18 ai domiciliari e due obblighi di presentarsi quotidianamente alla Polizia Giudiziaria contemporaneamente ad una sospensione dai pubblici uffici.


L'operazione ha riguardato nomi noti, sono stati arrestati anche i tre fratelli del senatore Luigi Cesaro. Antimo Cesaro è finito in cella a differenza dei fratelli Aniello e Raffaele che sono ai domiciliari per tutti l'accusa è di concorso esterno in associazione mafiosa.


E' stato disposto il sequestro di beni per un valore di oltre 80 milioni di euro.



#camorra #maxioprazione #LuigiCesaro #arresti #napoli

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Chi sono

Mi interesso di tutto e scrivo da sempre. Difficilmente non ho un'opinione su di un argomento. Sono iscritto da quasi trent'anni all'Ordine dei giornalisti.

IMG-9934.jpg