• di Lino Rialti

Crolla la produzione industriale -42,5%


Il lockdown se ha riparato un po i guasti che abbiamo fatto al pianeta e, soprattutto, ci ha insegnato ed indicato una via nuova per affrontare le nostre vite ed ha ricordato l'esistenza di nuovi modelli di sviluppo, di converso ha devastato l'economia tradizionale, quella esistente. Infatti ad aprile la produzione industriale registra su marzo una nuova forte" contrazione, pari al 19,1%.


L'Istituto Italiano di Statistica ha rilevato ed oggi comunicato questi sconcertanti dati. Il crollo su base annua è del 42,5%.


La flessione di aprile, come detto -19,1% è comunque "meno ampia di quella di marzo (-28,4%)".


Unico comparto in controtendenza, infatti in leggera crescita è quello farmaceutico con un +2,0%, sostanzialmente stabile l'alimentare, -0,1%".


Su base annua, invece, "l'indice corretto per gli effetti di calendario diminuisce in modo ancor più accentuato di quanto osservato il mese precedente, con una flessione del 42,5%". A marzo la discesa tendenziale era stata del 29,4%.


Nel confronto con lo scorso anno nessun comprato industriale riesce a registrare un segno più: la produzione ad aprile coinvolge ogni comparto.


Sempre l'Istat nel bollettino comunica che "Le industrie tessili, dell'abbigliamento, pelli e accessori e quelle della fabbricazione di mezzi di trasporto sono le più colpite, con riduzioni della produzione senza precedenti e rispettivamente pari all'80,5% e al 74,0%".


Ad aprile, poi, è stato fermo totale per la fabbricazione degli autoveicoli, -100%.


Speriamo in la ripresa dei consumi e quindi delle produzioni, premi il green new deal, la svolta verde tanto attesa ed unica via d'uscita a questa situazione di stagnazione, che almeno questa pandemia ci abbia insegnato qualcosa?

#produzioneindustriale #crollo #consumi #newgreendeal

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Chi sono

Mi interesso di tutto e scrivo da sempre. Difficilmente non ho un'opinione su di un argomento. Sono iscritto da quasi trent'anni all'Ordine dei giornalisti.

  • Twitter Black Round

© 2023 la riproduzione, anche parziale, è riservata

La collaborazione a La Mollica è da intendersi gratuita e senza alcun corrispettivo salvo accordi scritti preventivamente pattuiti.