• Lino Rialti

I cinque fatti del giorno (27 luglio 2020)



1) E Nove: Juventus campione d'Italia per la nona volta consecutiva, mai successo nella storia del calcio nostrano ma anche in quello d'elite. I bianconeri battono la Sampdoria per 2 a 0 con un goal ciascuno di Ronaldo e Bernardeschi. La festa dei tifosi in sordina, come chiesto espressamente da subito sui media, dalla società, per evitare problemi di assembramenti. Ed i tifosi responsabilmente hanno obbedito.



2) Coronavirus in Italia: i nuovi positivi sono 255, in calo, cinque i morti. Il virus circola e riappare non appena ne ha l'occasione. Così, nel Lazio ma altre regioni stanno valutandolo, presto test su passeggeri bus dai Paesi a rischio Covid-19. In molti, a partire dalle badanti, stanno rientrando. A destare preoccupazione soprattutto chi lavora accanto agli anziani e alle persone fragili, le categorie più a rischio contagio.



3) Governo alla ricerca di una ricetta che agevoli le imprese a mantenere i posti di lavoro: allo studio sgravi fiscali per i neoassunti ed altre agevolazioni, per chi fa rientrare i dipendenti dalla cassa integrazione. Stanno per essere stanziati altri 12 miliardi per gli ammortizzatori. Le cartelle esattoriali verranno, probabilmente, prorogate a novembre. Allo studio un anticipo di cassa per 5 miliardi e mezzo di euro per agevolare gli investimenti dei Comuni italiani.



4) Inchiesta "Camici Puliti" in Lombardia: verifiche sui conti svizzeri di Fontana, per la difesa del governatore lombardo sarebbero un "atto dovuto". Comunque sono al vaglio un numero consistente di rapporti intestati a lui ed alla madre, ultraottantenne, che avrebbe un tesoretto, regolarmente scudato, di 5 milioni e 300 mila euro con invii in altri conti nelle Bahamas. Essere la madre di un governatore come questo, sembra faccia arricchire... ma a volte potrebbe portare anche qualche guaio. Intanto Attilio Fontana dichiara spavaldo: "Non vi è nulla di nascosto e non vi è nulla su cui basare falsi scoop mediatici". Vedremo se la Procura di Milano sarà d'accordo. La difesa del governatore: "Indaghino pure, siamo tranquilli".



5) In arrivo il caldo africano sull'Italia. I metereologi, con mille difficoltà per la imprevedibilità, sempre maggiore, della situazione meteorologica, sempre più instabile e "cambiereccia", prevedono afa soprattutto in Val Padana e picchi fino a 40 gradi al Sud della penisola. Sarà così tutta la settimana. Possibile però qualche temporale Sulle Alpi zero termico in salita oltre i 4500 metri.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Chi sono

Mi interesso di tutto e scrivo da sempre. Difficilmente non ho un'opinione su di un argomento. Sono iscritto da quasi trent'anni all'Ordine dei giornalisti.

IMG-9934.jpg