• Lino Rialti

Trump non lascia? E' allarme



Trump non vuole lasciare la Casa Bianca. E' da ieri che l'emittente televisiva Cnn ha lanciato l'allarme: "Donald Trump sarebbe sempre più ossessionato da improbabili scenari per rovesciare l'esito delle elezioni".



Nel corso di vari servizi giornalistici, che si possono visionare sul sito cnn.com, sono intervenuti diversi cronisti e reporter che, citando fonti interne alla Casa Bianca, hanno riferito di una serie di incontri, avvenuti negli ultimi giorni, tra Trump ed un gruppo di consiglieri esterni che gli avrebbero suggerito di rifiutarsi di lasciare proprio il palazzo presidenziale il 20 gennaio prossimo, giorno del giuramento del nuovo presidente eletto Joe Biden.



Questo evento sarebbe clamoroso, mai successo prima ma soprattutto aprirebbe scenari inimmaginabili. La destabilizzazione istituzionale, in un momento storico e sanitario così delicato, porterebbe al pericolo concreto di estremizzazione e radicalizzazione delle posizioni politiche già largamente enfatizzate proprio da Trump. Lo scenario di sommosse e scontri tra fazioni sarebbe sicuramente uno rischio altamente probabile. Un vero insulto alla democrazia americana che, anche se contratta grazie al decisionismo imprenditoriale trumpiano, al suo modo di fare sprezzante, ancora oggi ci piace pensare che contraddistingua gli Stati Uniti.



Dentro lo staff presidenziale è forte la preoccupazione, infatti gran parte dei consiglieri ufficiali sarebbe contraria al rifiuto di Trump di lasciare la Casa Bianca, loro lo avrebbero caldamente suggerito al presidente ma lui li avrebbe liquidati alla sua maniera.



"Ci sono scenari che fanno davvero paura", avrebbe affermato un funzionario dell'amministrazione, è quanto riporta in un suo pezzo Rosie Gray, giornalista politica ed corrispondente esperta dalla Casa Bianca nella quale è da tempo ben introdotta.



Il commentatore politico della Cnn Brian Stelter ha affermato di aver saputo, sempre da fonti interne allo staff presidenziale, che Trump, col sostegno di alcuni deputati e senatori, sarebbe determinato a creare caos nella riunione del Congresso del 6 gennaio, giorno nel quale si dovranno contare ufficialmente i voti dei grandi elettori che hanno dato la vittoria a Biden.



Ma chi c'è dietro a queste scelte scellerate e distruttive? Sono persone che da sempre gravitano attorno a Trump ed alla sua carriera imprenditoriale e politica. Sono vari i personaggi che da venerdì scorso si stanno avvicendando, passando per le back doors, le porte di servizio della Casa Bianca, lontano dai riflettori e dalle telecamere. La prima, sentita al telefono da Trump è stata l'avvocatessa cospirazionista Sidney Powell, poi il suo ex consigliere per la sicurezza nazionale (appena graziato) Michael Flynn, il suo ex stratega politico Steve Bannon, il consigliere al commercio Peter Navarro e l'eccentrico fondatore ed ex Ceo del sito di commercio online Overstock.com Patrick Byrne.



Insomma siamo veramente nelle mani di un manipolo di visionari ossessionati dai soldi e dalla sete di potere, pronti a tutto pur di mantenere Trump in una posizione dominante se non almeno di grande visibilità. Una via è quella di farlo passare per vittima di una congiura che lo vorrebbe vincitore detronizzato da assurdi brogli dei quali non si è trovata la ben che minima traccia. Trump, imbeccato da questi consiglieri si è da tempo dichiarato vittima di presunti "poteri forti", che avrebbero fatto carte false pur di metterlo da parte. La realtà, invece, è proprio l'opposto: sono proprio i cosiddetti poteri forti, le lobbie ( qui il link che elenca tutti i lobbisti attualmente attivi pro-Trump https://www.opensecrets.org/trump/lobbyists) gli artefici di questa resistenza assurda e pericolosa che potrebbe portare guasti indicibili non solo per l'America e gli americani.






30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Chi sono

Mi interesso di tutto e scrivo da sempre. Difficilmente non ho un'opinione su di un argomento. Sono iscritto da quasi trent'anni all'Ordine dei giornalisti.

  • Twitter Black Round

© 2023 la riproduzione, anche parziale, è riservata

La collaborazione a La Mollica è da intendersi gratuita e senza alcun corrispettivo salvo accordi scritti preventivamente pattuiti.